In Primo Piano

Reincarnazione: volgarizzazione, errori e fraintendimenti

Dopo aver trattato brevemente dell’illusione del nascere e del morire, esaminiamo alcuni errori connessi alla concezione della “reincarnazione”, errori che derivano da un fraintendimento della prospettiva metafisica della metempsicosi e della metemsomatosi, ma anche dalla confusione di tre piani visuali, dai quali si può osservare lo stesso fenomeno dell’esistenza individuale. Se un dato soggetto si colloca in un piano limitato e non si rende conto della sua ristretta visione prospettica, può entrare in conflitto con altre prospettive visuali, che si pongono sullo stesso piano o su piani superiori, senza comprenderle. Ora vedremo di chiarire quanto comunemente viene inteso con il termine “reincarnazione” e quali errori possono derivare a causa di limitazioni visuali della conoscenza. Nell’ordine del Tutto occorre dapprima considerare il Principio Assoluto, rigorosamente Uno e privo di relazioni e determinazioni, sul quale fonda l’Unità Divina dell’Essere Intelligibile, nel quale l’Assoluto si rivela secondo la sua natura divina eterna e si costituisce secondo l’essenza, nella quale sussiste la prima determinazione unitaria di tutti gli attributi dell’Essere suscettibili di manifestazione. Nell’unità dell’Essere Intelligibile sussiste l’Intelletto Divino e l’insieme delle essenze eterne e immutabili degli enti. Dall’Intelletto procede l’Anima del Mondo, la potenza che produce la manifestazione secondaria e sensibile di tutti gli enti, secondo la successione del divenire e della temporalità. Dall’Anima viene informata la Materia del Mondo, con la quale sono costituiti i corpi di tutti i singoli enti esistenti nelle condizioni spazio-temporali. L’uomo, considerato nella sua dimensione mondana, è composto di anima e corpo, ma la sua anima procede dalla sua essenza divina sovramondana, l’intelletto o nous, il quale a sua volta costituisce un’essenza specifica nell’unità dell’Intelletto Divino Eterno. L’anima individuale perciò, secondo quanto affermato, è un ente contingente che ha il suo centro essenziale immediato nell’intelletto, ma costituisce un tratto della teofania dell’Intelletto Universale, il Nous Ipostatico Eterno, il quale a sua volta, non è altro che l’Essere Intelligibile o Sé Universale, l’Atmam secondo gli hindù, secondo il modo dell’immanenza nel Tutto. Abbiamo così diversi piani dell’Esistenza Universale da considerare: quello dell’Essere Intelligibile, prima determinazione apparente dell’Essere Puro e Incondizionato, che trascende rigorosamente ogni alterità e manifestazione; quello dell’Intelletto Divino Ipostatico; quello dell’intelletto, il nous o buddhi, ed infine l’anima, la psyche o jivatman, la quale costituisce il riflesso cosmico, mondano e immanente nel divenire, dell’essenza intellettiva dell’uomo, che permane in un piano sovramondano e sovratemporale. L’anima è il principio immediato dell’uomo corporeo, nel quale essa immane con le facoltà necessarie a reggere la vita e le operazioni psichiche dell’esistenza s ...

Salvs • Tutti gli Articoli

Reincarnazione: volgarizzazione, errori e fraintendimenti

Dopo aver trattato brevemente dell’illusione del nascere e del morire, esaminiamo alcuni errori connessi alla concezione della “reincarnazione”, errori che derivano da un fraintendimento della prospettiva metafisica della metempsicosi e della met ...

Sull’illusione del nascere e del morire

Uno dei fenomeni più caratteristici della confusione che regna ormai in tutti i domini, e della radicalizzazione dell’illusione a cui le ultime anime sono soggette, è la preoccupazione per ciò che viene definito comunemente “morte”. Sempre più ...

Counseling: l’illusione della relazione di aiuto

Nel corso dello svolgimento dell’ultima fase della catabasi dell’umanità si manifestano una serie di fenomeni che sono il frutto del degrado e della disgregazione terminale delle civiltà religiose tradizionali. Il susseguirsi di eventi è in accor ...

La profanazione della medicina e le sue conseguenze nefaste

L’uomo è vissuto per molti millenni in un contesto religioso, integrato nel suo popolo e nella civiltà sacra da esso costituita. Solamente da quattro-cinque secoli in Occidente e da uno-due secoli in Oriente, è stato avviato un processo di sradic ...

L’erronea concezione della salute nella Naturopatia

La naturopatia costituisce una delle diverse false medicine contemporanee, la cui natura è completamente irregolare. Una delle sue dottrine è basata sulla presunta visione olistica dell’uomo da cui deriva una ...

La liberazione dalla natura titanica è la vera Salute

La medicina  tradizionale di tipo pitagorico-platonico è una medicina iniziatica, che ha la funzione di condurre il soggetto essenziale alla sua completa riattualizzazione, ovvero alla sua salute, equivalente alla realizzazione ...

Gli inganni dell’olismo e lo sviamento dalla Salute

È molto diffuso oramai nell’ambito delle pseudomedicine alternative e specialmente nei piani neospiritualistici delle pseudomedicine naturali e della naturopatia, presentare istituti, scuole e corsi fondati su una “visione olistica ...

Pseudomedicine e falso olismo

L’olismo non può essere adeguatamente fondato se non si ha una conoscenza metafisica  integrale della Realtà e dell’Uomo, ma questa conoscenza è inesistente nell’ambito della naturopatia, basta esaminare la letteratura ...

La vera temperanza e la vera salute

Platone dice giustamente che, in tutte le cose relative al piacere e al dolore, a differenza degli uomini stolti, il filosofo, ossia colui il quale percorre veramente la via della ...

La Salute e le sue falsificazioni

È possibile conseguire la salute se non si sa cosa sia? Non è possibile. A causa dell’ignoranza della natura della salute l’uomo tende verso illusori obiettivi, erroneamente scambiati per salute. Oggi, al punto terminale della catabasi della medi ...

Attività in corso

Notiziario

Pubblicazioni

Orientamenti Bibliografici

Formazione